Non basta essere meglio della concorrenza

EccellenzaTralasciamo gli operatori globali (per davvero), non ci interessano poi troppo, parlando qui di local.

Tutte le imprese locali hanno un numero più o meno limitato di concorrenti. Tendenzialmente, questi concorrenti sono tutti nella stessa area, della dimensione del mercato di riferimento: che sia un quartiere, una città, uno stato.

E la concorrenza ci spinge ad essere meglio degli altri, in modo che i clienti scelgano noi. Ma ogni volta che il mercato di riferimento è locale, questi “altri” sono un numero necessariamente limitato.

Questo fatto può però indurre nella tentazione di essere solo migliore dei propri competitor. Questo errore viene fatto più spesso di quanto non si pensi.

Il problema è che se i propri concorrenti locali hanno ad esempio un pessimo sito web, avere un sito web mediocre non sarà sufficiente a vincere la fiducia dei visitatori, anche se è migliore delle possibili alternative. La fiducia dei visitatori infatti non viene conquistata con la mediocrità, ma con l’eccellenza. E l’eccellenza è, per definizione, il più alto livello qualitativo raggiungibile.

Raggiungere l’eccellenza non è ovviamente facile, e a volte non è neppure vantaggioso. Inoltre, mantenere l’eccellenza è un processo continuo, sempre. Ma è chiaro che bisogna comunque cercare di avvicinarcisi il più possibile. Perché questo è ciò che ogni persona si aspetta di trovare quando naviga un sito web. Anche tu!

Troppe volte mi ritrovo a nagivare su siti di piccole aziende, quelle che hanno il sito web ma non sanno perché ce l’hanno, e vengo assalito dallo sconforto. Anche quando vado sul sito migliore del lotto, non riesco a lasciarmi andare, a farmi tranquillizzare dal sito, sia a livello di design – architettura e navigabilità, non solo colori e forme – sia a livello di contenuti.

Eppure non è davvero difficile migliorare tantissimi siti. Basta iniziare a chiedersi seriamente “perché questo sito? A cosa serve?”. Dalla risposta discende poi facile la ricerca dei singoli problemi e delle possibili soluzioni.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *